Home recensioni drammatico Bullhead – La vincente ascesa di Jacky

Bullhead – La vincente ascesa di Jacky

jamovie-bullhead-jacky-recensioni

Jacky Vanmarsenille è un giovane allevatore di bovini della provincia fiamminga del Limburg. Un giorno viene avvicinato da un veterinario senza scrupoli che gli propone di entrare in un losco traffico di ormoni. L’assassinio di un poliziotto e il misterioso passato di Jacky metteranno in moto degli eventi inattesi.

Candidato agli Oscar 2012 come miglior film straniero, “Bullhead – La vincente ascesa di Jacky” segna il debutto di Michaël R. Roskam alla regia. Possiamo gridare al miracolo! Il regista e sceneggiatore belga scrive e dirige uno splendido racconto con Matthias Schoenaerts, ormai lanciato, ma allora nella sua prima interpretazione come protagonista. Da questo capolavoro Roskam non ha più abbandonato l’attore belga tanto da dirigerlo non solo nel bellissimo “Chi è senza colpa” con Tom Hardy e James Gandolfini, ma anche nel film in produzione “The Faithful” con Adele Exarchopoulos.
La coppia funziona alla grande e viene automatico pensare al duo McQueen/Fassbender.

Come in “Hunger” dove Michael Fassbender, al suo debutto come protagonista, interpretava Bobby Sands durante lo sciopero della fame, anche qui troviamo una performance fisica altrettanto superba in Schoenaerts nei panni del gigante buono e tormentato Jacky. Un personaggio che si ama minuto dopo minuto, con cui si empatizza appena scopriamo l’atroce segreto della sua infanzia.

Jamovie-bullhead-jacky-001

“Bullhead – La vincente ascesa di Jacky” inizia come il classico film di criminali per poi virare in una storia completamente originale ed emozionante. Un film crudo che colpisce allo stomaco come i pugni del protagonista, una persona destinata a essere una vittima.
Da non ignorare il fatto che il proprio carnefice in infanzia sia quello che spesso viene sottomesso dal più forte!
Roskam scrive e dirige magistralmente la storia e la mette tutta sulle spalle di Matthias Schoenaerts in una performance da Oscar. Non ha bisogno di parole per trasmettere il suo stato d’animo, basta uno sguardo per capire tutto.

Jamovie-bullhead-jacky-002

Anche se ha messo su massa muscolare, l’attore belga riesce a dare al personaggio tutta la fragilità. Lo spettatore, infatti, si impaurisce quando lo vede picchiare, ma si intenerisce quando lo vede corteggiare Lucia. Il suo amore per lei è puro, platonico, fatto di sguardi e di ricordi. Splendido!

La fotografia fredda e tagliente di Nicolas Karakatsanis completa questa superba opera d’arte che fa di “Bullhead – La vincente ascesa di Jacky” un capolavoro da recuperare in dvd o blu-ray e da amare.

VOTI FINALI
voto
Articolo precedenteDove eravamo rimasti
Articolo successivoL’intervista al doppiatore di tantissimi personaggi famosi di Cinema e Tv : Mino Caprio
GianDrewe
Redattore e Co-fondatore

Attore, cantante lirico, insegnante e... cinefilo! Amo il cinema in ogni suo genere con un'adorazione particolare per il cinema europeo specialmente britannico, visto che sono un sostenitore della scuola inglese. Molto spesso dalla parte opposta dei blockbuster e sulla strada degli indie e del cinema d’autore non solo di oggi... Pochi effetti speciali e molte emozioni!