Home Rubriche Oriente Per chi la scuola è un incubo: Battle Royale

Per chi la scuola è un incubo: Battle Royale

battle royale

Romanzo, manga, film: Battle Royale è diversi media, ma pur con le dovute differenze è senza meno figlio de Il signore delle mosche, e padre di The Hunger Games.

Prima di venire defenestrato per questa affermazione, una velocissima sinossi: un manipolo di ragazzi pescati a caso sono costretti dalla società adulta a uccidersi a vicenda, fino a che non ne resterà uno solo. C’è un’aria da reality show, c’è il sopravvissuto delle scorse edizioni che dà la dritta ai protagonisti, c’è il pazzo psicopatico che tutto sommatto ci sguazza ad ammazzare i coetanei…

kitano
Ma Kitano ce l’ha solo Battle Royale

Le maggiori similitudini si fermano qui, laddove, tolta la pellicola patinata e i budget stellari, Battle Royale è invece freddo e scarno. Resta quindi il massimo spazio per un trattato sulle natura umana e su come la più piccola inamicizia, rancore sentimentale, indole oscura esplodano al cadere di ogni infrastruttura sociale, o davanti all’ancestrale istinto di sopravvivenza.

Potrebbe sfuggirvi la potenza di Battle Royale, nascosta tra il pulp e la violenza estrema, o tra quei passaggi evidenziati col pennarrello troppo grande, ma dietro quell’eccesso -superato solo dal manga-, si nasconde un’aspra critica al sistema scolastico giapponese, riflesso in scala del lato più malvagio del capitalismo, con buona pace di valori e affetti.

Sintomatica la scena tra amiche di una vita, dove il seme del sospetto porterà a conseguenze terribili. Da vedere per riflettere, pur se a scoppio ritardato.

Articolo precedenteGhost in the Shell: prima foto ufficiale di Scarlett Johansson!
Articolo successivoTutti vogliono qualcosa: il trailer italiano del nuovo film di Richard Linklater
Dr.Gabe
Direttore e Fondatore

Il lavoro e la vecchiaia incombono, ma da quando ho memoria mi spacco di film di fantascienza, dove viaggio di testa fino a perdermi, e salto in piedi sul divano per dei tizi che si menano o sparano alla gente come fossero birilli. Addolorato dalla piaga del PG­13, non ho più i nervi per gli horror: quelli li lascio al collega, io sono il vostro uomo per scifi, azione e film di pistolotti metacinema/mental/cose di finali tripli.