Home Serie tv Alpha, Beta e una nuova pericolosa minaccia: The Walking Dead 9 (season...

Alpha, Beta e una nuova pericolosa minaccia: The Walking Dead 9 (season finale)

C’eravamo lasciati nel finale della prima parte di questa nona stagione di The Walking Dead con l’uscita di scena di personaggi di spicco (qui la recensione), con nuovi equilibri tra le varie comunità, un neegan in via di redenzione, e una nuova minaccia: i Sussurratori.

Nella parte finale della stagione le cose non sono cambiate.
O meglio.
Qualcosa è cambiato.
E’ aumentata la sensazione che la nuova minaccia di Alpha e del suo gruppo sia davvero spaventosa (la penultima puntata ne sarà una chiara anche se macabra prova) e sono cambiate le relazioni tra i vari membri delle comunità che hanno sconfitto Neegan e i Salvatori.
Andiamo ad analizzare in cinque punti quello che ci ha lasciato il finale della 9a stagione:

Hilltop, Il Regno e Alexandria fanno fronte unito 

Le tre comunità impareranno a loro spese che contro i sussurratori bisogna fare fronte unito.
Non si può continuare ad andare avanti ognuno per la sua strada, perchè la nuova minaccia sembra davvero molto più seria di quanto già lo siano stati in passato i Salvatori.
Ed oltre al nuovo pericolo, come in un’altra famosa serie tv…….Winter is coming.
Le divisioni verranno dunque superate, ma a che prezzo signore e signori.

Neegan, la redenzione e la sua nuova amica 

Nonostante sia stato il Nemico Pubblico numero 1 di Rick Grimes, Neegan sembra avere tutto un altro tipo di rapporto con i suoi figli.
E’ stato così per Carl, e lo sarà anche in questo finale di stagione con la piccola (ma cazzuta) Judith.
come evolverà il suo personaggio dunque?
Rick avrà vinto la sua scommessa nel renderlo un vero e proprio esempio?

Un nuovo, silenzioso leader : Daryl 

Parla poco, agisce tanto, non vuole essere un leader, ma indirettamente attrae a sè tutti i personaggi, perchè è un catalizzatore silenzioso.
Scomparso di scena Rick Grimes è adesso Daryl uno dei fari più splendenti delle tre comunità.
Il cattivo dal cuore buono, quella persona che non vuole avvicinarsi troppo a nessuno, ma verso cui tutti si rivolgono nei momenti difficili e fondamentali.
Ed è a lui che tutti guardano per sconfiggere Alpha, Beta ed il resto dei Sussurratori.

Dove passano loro non cresce più l’erba 

Sono tanti, sono incazzati, vivono in mezzo ai vaganti, si spostano di continuo.
E sono spietati.
Oh si, sono proprio spietati.
Il gruppo guidato da Alpha (Samantha Morton) e Beta (Ryan Hurst) vive di pane, vaganti e violenza.
Si è adattato a vivere come i non morti, passeggia con loro, si sposta con loro, si maschera come loro.
E la loro filosofia è semplice: o ti adatti e diventi spietato e cattivo, o muori. >
E si gente, di morti ce ne saranno.
E nell’episodio La quiete prima della tempesta ne avremo una prova che nessun fan della serie dimenticherà.
Hilltop, Il regno e Alexandria sono avvisate.

Chi c’è dall’altra parte? 

E’ l’interrogativo più grande del finale di stagione.
Ma non vogliamo aggiungervi altro.
Di chi è quella voce?

Una nona stagione che tra nuovi arrivi ed importanti uscite di scena ha chiarito una cosa:
The Walking Dead dopo la stagnazione pesante a cui era andato incontro si sta ravvivando.
Si stanno aprendo nuovi orizzonti per la serie e tra nuovi personaggi e veterani rivitalizzati stiamo assistendo ad un nuovo scossone che non può che riavvicinarci con un ravvivato interesse alle vicende di Daryl, Michonne e soci.

 

Articolo precedentePermanent Vacation – A spasso con Jim Jarmusch
Articolo successivoJoker: Joaquin Phoenix nel primo teaser trailer!
Il Biondo
Capo Redattore e Co-fondatore

Grande amante del cinema, e questo è scontato dirlo se sono qua :­) Appassionato da sempre del genere horror, di nicchia e non, e di film di vario genere con poca distribuzione, che molto spesso al contrario dei grandi blockbuster meriterebbero molto più spazio e considerazione; tutto ciò che proviene dalle multisale, nelle mie recensioni scordatevelo pure. Ma se amate quelle pellicole, italiane e non, che ogni anno riempono i festival di Berlino, Cannes, Venezia, Toronto, e dei festival minori, allora siete capitati nel posto giusto.

‘Rest..In..Peace’