Home recensioni drammatico A Bigger Splash

A Bigger Splash

Marianne Lane (Tilda Swinton) è una celebre rockstar che trascorre con il fidanzato Paul (Matthias Schoenaerts) una vacanza sull’isola di Pantelleria di assoluto relax dopo un intervento alle corde vocali. Il silenzio e la tranquillità vengono turbati dall’arrivo di Harry (Ralph Fiennes), produttore discografico logorroico, insieme alla sua figlia ritrovata Penelope (Dakota Johnson).

Liberamente ispirato al capolavoro “La piscina” diretto da Jacques Deray nel 1969 e all’omonimo dipinto di David Hockney, il nuovo film di Luca Guadagnino è un caldo quadro in movimento: quattro personaggi che si intrecciano e si scontrano, senza evitare una vittima.

“A Bigger Splash” è un bel film di livello artistico impeccabile, che ha come difetto una sceneggiatura traballante: ottimo inizio con la presentazione dei personaggi e la scelta di farci sapere dettagli sul passato grazie a dei flashback presentati come brevi ricordi. I due uomini e le due donne sono scritti in maniera soddisfacente. Tutto è giocato sui contrasti: il redento Paul, giovane amante perfetto e protettivo, che si scontra con l’eterno ragazzino Harry, cliché della persona di spettacolo sesso droga e rock ‘n’ roll. Una sfida tra maschi alpha! Dall’altra parte troviamo una donna matura, Marianne, la quale riesce a staccare il suo personaggio da rock star contro una ragazza che si atteggia a donna matura, chiamata Penelope.

Matthias Schoenaerts con Tilda Swinton
Matthias Schoenaerts con Tilda Swinton

Dopo quasi un’ora ineccepibile, le storie dei personaggi si sviluppano nel modo più prevedibile possibile arrivando ad annoiare, a tratti. Fortunatamente arriva l’ultima mezz’ora a salvare “A Bigger Splash”! Una virata nel thriller con venatura comico-grottesca rappresentata da Corrado Guzzanti, cliché del Maresciallo da barzelletta. Da non sottovalutare lo schiaffo che viene dato all’italiano medio riguardo la xenofobia, una dura realtà italiana e non. Non dico altro. Troppa carne messa a cuocere? Forse

La regia di Luca Guadagnino è calda, elegante, raffinata e ci regala dei fotogrammi indimenticabili grazie anche al magnifico paesaggio di Pantelleria. L’interessante colonna sonora, che ha ricevuto il Soundtrack Stars Award all’ultima Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, segue un cast quasi perfetto.

Ralph Fiennes, con un’invidiabile forma a più di 50 anni, è grandiosamente sopra le righe senza stancare. Ottima chimica con la sempre divina Tilda Swinton e l’intenso (e bello da mozzare il fiato) Matthias Schoenaerts, uno degli attori più richiesti del momento, destinato a diventare Grande Attore. Questo trio è una gioia per gli occhi, una lezione di recitazione da tre Artisti con la A maiuscola. Non si può dire lo stesso di Dakota Johnson, troppo acerba e fuori parte. I panni della Lolita non fanno per lei, anche se non fa storcere il naso nella parte finale più drammatica. Fortunatamente compensano gli altri, veramente perfetti.

Tilda Swinton e Ralph Fiennes
Tilda Swinton e Ralph Fiennes

Concludendo “A Bigger Splash” è un bel dipinto avvolgente, attraente e di ineccepibile bellezza visiva. Peccato la sceneggiatura non segua spesso il tutto allo stesso passo!

VOTI FINALI
voto
Articolo precedenteThe Atticus Institute – di Chris Sparling (2015)
Articolo successivoThe Visit – di M Night Shyamalan (2015)
GianDrewe
Redattore e Co-fondatore

Attore, cantante lirico, insegnante e... cinefilo! Amo il cinema in ogni suo genere con un'adorazione particolare per il cinema europeo specialmente britannico, visto che sono un sostenitore della scuola inglese. Molto spesso dalla parte opposta dei blockbuster e sulla strada degli indie e del cinema d’autore non solo di oggi... Pochi effetti speciali e molte emozioni!